Sarto Training & Consulting

I NOSTRI SERVIZI

Title Bottom Decoration

EU VALIDATION SERVICES

La Normativa UE prevede che i vettori aerei che trasportano merci o posta nell'UE da un aeroporto non UE garantiscano che le merci e la posta provengano da una catena di fornitura sicura e siano controllati secondo le norme UE. (...)

ACC3

Air carriers are required to be designated as an 'Air Cargo or Mail Carrier operating (...)

RA3/KC3

Third country entities being, or intending to be, part of the supply chain of an air carrier holding (...)

SERVIZI DI SECURITY QUALITY CONTROL IN ITALIA

La Normativa Europea in materia di sicurezza dell’aviazione civile, prevede l’effettuazione di alcune “convalide ai fini della sicurezza dell’aviazione civile UE, intese come procedure standardizzate, documentate, imparziali (...)

FORNITORI CONOSCIUTI DI PROVVISTE DI BORDO

La Normativa UE prevede che “ogni soggetto che svolga i controlli di sicurezza ed effettui la consegna (...)

FORNITORI CONOSCIUTI DI FORNITURE PER L’AEROPORTO

La Normativa UE prevede che “ogni soggetto che svolga i controlli di sicurezza ed effettui la consegna (...)

SERVIZI DI CONSULENZA

I consigli di consulenza ante-validazione possono contribuire a facilitare il processo di convalida, evitando che alcuni dei requisiti della legislazione Europea e Nazionale non siano soddisfatti. (...)

SERVIZI DI CONSULENZA ANTE-VALIDAZIONE

I consigli di consulenza ante-validazione possono contribuire a facilitare il processo di convalida, (...)

Sarto Training & Consulting Services

 

EU VALIDATION SERVICES

Title Bottom Decoration

 

La Normativa UE prevede che i vettori aerei che trasportano merci o posta nell'UE da un aeroporto non UE garantiscano che le merci e la posta provengano da una catena di fornitura sicura e siano controllati secondo le norme UE. A conferma di quanto sopra, i vettori aerei devono essere designati come ACC3 ("Air Cargo Air Cargo or Mail Carrier che operano nell'Unione europea da un aeroporto di un paese terzo").
Tale designazione si basa sulla convalida delle loro operazioni di trasporto merci negli aeroporti dei paesi terzi interessati e può essere effettuata in loco o desktop, a seconda dei casi specifici. Le convalide per l'ACC3 devono essere effettuate da un Validatore della sicurezza aerea UE, approvato come tale da un'autorità competente per l'aviazione di uno Stato membro dell'UE. Le designazioni come ACC3 che seguono la convalida sono poi effettuate dall'autorità competente e sono valide per 5 anni per le convalide in loco.
Anche altre entità che fanno parte della catena di approvvigionamento di merci e posta (Ground Handling Agents o altri prestatori di servizi o mittenti che originano merci o posta in conto proprio) devono seguire lo stesso processo ed essere designati rispettivamente come Agenti Regolamentati di paesi terzi (RA3) o Mittenti Conosciuti di paesi terzi (KC3). Anche le convalide per RA3 e KC3 devono essere effettuate da un Validatore della sicurezza aerea UE. Le designazioni come RA3 e KC3 che seguono la convalida sono poi effettuate dall'autorità competente e sono valide per 3 anni.
Una convalida ACC3/RA3/KC3 può essere effettuata solo da Validatori indipendenti della sicurezza aerea dell'UE accreditati, approvati da un'autorità competente di uno Stato membro e inseriti come tali nella banca dati dell'Unione sulla sicurezza della catena logistica.

 


 

ACC3

Title Bottom Decoration

 

Air carriers are required to be designated as an 'Air Cargo or Mail Carrier operating into the Union from a Third Country Airport' (ACC3) for each non-EU airport from which they fly cargo or mail into the EU. ACC3s must ensure that all cargo and mail carried to the EU (and to Iceland, Norway and Switzerland) is physically screened to EU standards or comes from a “secure supply chain”, which is EU aviation security validated.

To obtain the ACC3 status an air carrier needs to have subjected its relevant air cargo or mail operations in non-EU countries to an EU aviation security validation.

This exercise is carried out by an EU aviation security validator who will assess the air carrier's security programme to ensure its relevance and completeness and will assess the implementation of aviation security measures during an 1) on-site verification of the cargo and mail operations of that air carrier in non-EU countries. 2) The EU aviation security validator will draft a report based on his findings and provide this report to the appropriate authority of the EU Member State that is responsible for the designation of that air carrier as ACC3. 3) Based on this report, the Appropriate Authority will decide whether the air carrier can be designated as ACC3 for a specific operation.

Air carriers are also required to nominate a person with responsibility for the implementation of cargo and mail requirements and to deliver a 'Declaration of Commitments' concerning the fulfillment of its aviation security responsibilities.

The ACC3 designation is valid for a maximum of 5 years.


Actions to take

In order for air carriers to be able to subject their relevant air cargo and mail operations to EU aviation security validation, they are recommended to take the following actions.

1. Contact the appropriate authority of the Member State that is responsible for their designation

EU air carriers should contact the Appropriate Authority of the Member State that issued their Air Operator's Certificate (AOC).

Non-EU carriers can locate the responsible Appropriate Authority by making use of the Annex to Regulation (EC) No 748/2009, as currently amended by Commission Regulation (EU) 2019/225, in which air carriers are assigned to one specific Member State.

Non-EU carriers which are not included in this list are advised to contact the Appropriate Authority of the Member State where they have their major base of operations.

2. Familiarize themselves with the EU requirements

The Appropriate Authority of the Member State that is responsible for the Carriers’s designation is required to provide the same with all necessary EU aviation security requirements, including non-public information. The Appropriate Authority will also inform the Carriers whether additional security measures are needed for certain non-EU locations it flies from or whether the ACC3 requirements are waived for certain non-EU locations it flies from.

The basic security requirements for cargo and mail from non-EU countries may be found in the Commission Implementing Regulation (EU) 2015/1998 and its subsequent amendments and changes. Attachment 6C-3 contains the checklist which EU aviation security validators will need to fill in during their on-site verification.

3. If necessary, update their business operations at non-EU locations to comply with the requirements

Depending on the Carrier’s business and current security measures, it may need to update its security programme in respect of the cargo and mail operations from each individual non-EU airport, implement the necessary security requirements, establish a secure supply chain or provide for the necessary screening equipment.

4. Investigate which of the provided designation options suits their business operations best

The EU regulations provide two different ACC3 designation options for air carriers. The system provides flexibility to the entities involved to choose the option which suits their business operations best.

In option 1, an on-site verification at a non-EU airport is necessary before designation is granted for that specific airport.

In option 2, air carriers which operate several relevant cargo or mail operations and which apply an internal security quality assurance programme that is equivalent to EU aviation security validation, may request on-site validations at a representative number of airports. If an air carrier operates from more than three third country airports, then the carrier can propose a roadmap, indentifying a selection of these airports and giving a reason for this choice, while defining a timeline for their validation. The Aviation Appropriate Authority will then study the roadmap proposal and, if satisfied with its contents, approve it.

Entities from which the Carrier receives cargo or mail may either be validated as part of the Carrier’s on-site verification or may submit their relevant cargo handling entities to validation by an EU aviation security validator themselves. In both cases, these entities must be designated by the relevant appropriate authority. The details of these entities will be entered in the Union database on supply chain security and they must also be entered in the Carrier’s database with all relevant information, in order to establish a secure supply chain link.

5. Contact Sarto Training & Consulting to carry out the necessary validations

EU aviation security validations can only be carried out by EU aviation security validators approved by EU Member States. Sarto Training & Consulting validators have been approved by their relevant Aviation Authority and are part of the IATA Center of Excellence for Independent Validators.

 


 

RA3/KC3

Title Bottom Decoration

 

Third country entities being, or intending to be, part of the supply chain of an air carrier holding the status of ACC3, may be designated as either “Third country regulated agent” (RA3) or “Third country known consignor” (KC3).

According to the changes in EU Regulations registered in 2017, the responsibility for the designation of RA3 and KC3 is of the Appropriate Authority of an EU Member State, similarly to the process in place for the designation of air carriers as ACC3. To obtain the RA3 or KC3 status an entity needs to have subjected its relevant air cargo or mail operations in non-EU countries to an EU aviation security validation and comply with the following steps.

Entities applying to obtain RA3 or KC3 designation are also required to nominate a person with overall responsibility on the entity’s behalf for the implementation of cargo or mail security provisions in respect of the relevant cargo operations and to deliver a 'Declaration of Commitments' concerning the fulfillment of their aviation security responsibilities.

The designation of an RA3 or KC3 is valid for a maximum of 3 years.


Actions to take

Third country entities (RA3 and/or KC3) interested to subject their relevant air cargo and mail operations to EU aviation security validation should take the following actions.

1. Contact the relevant EU Appropriate Authority to assess eligibility to obtain designation

Third country entities seeking to obtain the RA3/KC3 status shall address their request to the Appropriate Authority of an EU Member State that shall then assess wether the applicant is eligible to obtain the requested status. The main eligibility condition for an entity is to have a role within the secure supply chain of cargo/mail bound to the European Union. On its request to the Appropriate Authority, the entity should therefore clearly specify and state the reasons for which it is applying for designation. i.e. highlight its activity within the supply chain.

In order to identify the Member State that will be responsible for their designation process, entities should proceed as follows:

a) approach the Appropriate Authority of the EU Member State that is responsible for the ACC3 designation of an air carrier operating at the third country airport where the applicant handles EU bound cargo and with which it has, or intends to start, a business relation; or

b) where there is no ACC3 designated air carrier in that country, approach the Appropriate Authority of the Member State responsible for the approval of the EU aviation security validator performing, or having performed, the validation.

The Appropriate Authority receiving the request shall start the designation process, or agree with the Appropriate Authority of another Member State on the delegation of the responsibility of the validation/designation process. In this case the applicant entity will be duly informed on the allocation of the final responsibility.

2. If necessary, update the business operations at non-EU locations to comply with the requirements

Depending on their business and on their current security measures, entities seeking designation as RA3 or KC3 may need to:

➢ update their security programme in respect of the cargo and mail operations from each individual non-EU airport;

➢ implement the necessary security requirements;

➢ establish a secure supply chain or provide for the necessary screening equipment.

3. Investigate which of the provided designation options suits their business operations best

EU regulations provide two different RA3/KC3 designation options for entities operating in third countries:

a) the Carrier’s ACC3 security programme shall set out details of security controls implememented on its behalf by third country entities from which it accepts cargo or mail directly for carriage into the Union. The EU aviation security validation of the ACC3 shall validate the security controls applied by those entities; or

b) the third country entities shall submit the relevant cargo handling activities to an EU aviation security validation at intervals not exceeding three years.

In option b) the EU aviation security validation shall consist of:

➢ an examination of the entity’s security programme ensuring its relevance and completeness in respect of the operations performed; and

➢ an on-site verification of the implementation of aviation security measures in respect of the relevant cargo operations.

Once the EU aviation security validation of option b) has been completed, the EU aviation security validator shall submit the validation report to the appropriate authority and provide the validated entity with a copy.

4. Contact Sarto Training & Consulting to carry out the necessary validations

EU aviation security validations may only be carried out by EU aviation security validators approved by EU Member States. Sarto Training & Consulting validators have been approved by their relevant Authority and are part of the IATA Center of Excellence for Independent Validators.

The designation of entities as RA3/KC3 is granted by the responsible Member State on the basis of the positive assessment of the EU aviation security validation report it has received. The designation is valid only from the moment the Appropriate Authority has entered the details of the entity into the Union Database on Supply Chain Security.

 


 

SERVIZI DI SECURITY QUALITY CONTROL IN ITALIA

Title Bottom Decoration

 

La Normativa Europea in materia di sicurezza dell’aviazione civile, prevede l’effettuazione di alcune “convalide ai fini della sicurezza dell’aviazione civile UE, intese come procedure standardizzate, documentate, imparziali e obiettive per acquisire e valutare informazioni al fine di determinare il livello di conformità di un soggetto sottoposto a convalida con i requisiti del Regolamento (CE) 300/2008 e dei relativi atti di esecuzione”.

Il Programma Nazionale di Sicurezza dell’Aviazione Civile prevede, ad esempio, che le convalide dei programmi di sicurezza dei Fornitori Conosciuti di Provviste di Bordo e dei Fornitori Conosciuti di Forniture per l’Aeroporto, siano effettuate da un Validatore della Sicurezza aerea UE.

Andrea Sarto, Titolare di Sarto Training & Consulting, è stato riconosciuto da ENAC anche come Validatore Nazionale (https://www.enac.gov.it/sicurezza-aerea/security/validatori-nazionali-macro-area-b) per lo svolgimento di tutte le attività di security quality control, in nome e per conto di ENAC e/o degli Operatori.

Nella sua precedente esperienza di Security Manager aeroportuale, Andrea Sarto aveva condotto e finalizzato i processi di validazione di numerosi fornitori conosciuti di forniture per l’aeroporto e di forniture di bordo.

 


 

FORNITORI CONOSCIUTI DI PROVVISTE DI BORDO

Title Bottom Decoration

 

La Normativa UE prevede che “ogni soggetto che svolga i controlli di sicurezza ed effettui la consegna di provviste di bordo, ma non direttamente all'aeromobile, venga designato come fornitore conosciuto dall'operatore o dal soggetto al quale effettua le forniture, ovvero dal “soggetto designante” (il vettore aereo o il fornitore regolamentato).

Al fine di essere designato come fornitore conosciuto, il fornitore è tenuto a trasmettere al soggetto designante:

  • la «Dichiarazione di impegni — fornitore conosciuto di provviste di bordo». Tale dichiarazione deve essere firmata dal rappresentante legale; nonché
  • il programma di sicurezza concernente i controlli di sicurezza previsti dalla Normativa UE. Tutti i fornitori conosciuti devono essere designati sulla base di convalide:
  • della pertinenza e completezza del programma di sicurezza; nonché
  • dell'attuazione del programma di sicurezza senza carenze.

La convalida ai fini della sicurezza aerea UE è una procedura standardizzata, documentata, imparziale e obbiettiva, intesa ad acquisire e valutare informazioni al fine di determinare il livello di conformità di un soggetto sottoposto a convalida ai requisiti del Regolamento (CE) n. 300/2008 e dei suoi atti di esecuzione.
ENAC, nel Programma Nazionale per la Sicurezza dell’Aviazione Civile, ha stabilito che le convalide del programma di sicurezza e della sua attuazione devono essere effettuate da un validatore della sicurezza aerea UE, o un soggetto che agisca per conto del vettore aereo in autoproduzione o del fornitore regolamentato, nominato e formato a tale scopo soggetto designante nominato e formato a tale scopo secondo la Cat. A12 o A12bis del Manuale ENAC di formazione per la security.
Le convalide devono essere registrate e, se non altrimenti specificato nella presente normativa, devono essere effettuate prima della designazione e successivamente ripetute ogni due anni.
La convalida dell'attuazione del programma di sicurezza che conferma l'assenza di carenze è costituita da:

  1. una visita in loco al sito del fornitore effettuata ogni due anni; oppure
  2. controlli regolari al ricevimento delle forniture consegnate dal fornitore conosciuto, iniziando dopo la designazione, fra i quali:
    • una verifica relativa all'adeguata formazione della persona che consegna le forniture per conto del fornitore conosciuto; nonché
    • una verifica della messa in sicurezza in modo appropriato delle forniture; nonché
    • uno screening delle forniture con le stesse modalità adottate per le forniture provenienti da un fornitore sconosciuto.

Tali controlli devono essere effettuati senza preavviso e aver luogo almeno una volta ogni tre mesi o sul 20 % delle consegne effettuate dal fornitore conosciuto al soggetto designante.
L'opzione b) può essere applicata solo se l'autorità competente ha stabilito nel suo programma nazionale di sicurezza dell'aviazione civile che la convalida deve essere effettuata da una persona che agisce per conto del soggetto designante.
Le modalità applicate e le procedure da seguire durante e dopo la designazione sono stabilite nel programma di sicurezza del soggetto designante.

 


 

FORNITORI CONOSCIUTI DI FORNITURE PER L’AEROPORTO

Title Bottom Decoration

 

La Normativa UE prevede che “ogni soggetto che svolga i controlli di sicurezza ed effettui la consegna di forniture per l’aeroporto, venga designato come fornitore conosciuto dall'operatore aeroportuale (il Gestore Aeroportuale).
Al fine di essere designato come fornitore conosciuto, il fornitore è tenuto a trasmettere al Gestore Aeroportuale:

  • la «Dichiarazione di impegni — fornitore conosciuto di forniture per l’aeroporto». Tale dichiarazione deve essere firmata dal rappresentante legale; nonché
  • il programma di sicurezza concernente i controlli di sicurezza previsti dalla Normativa UE. Tutti i fornitori conosciuti devono essere designati sulla base di convalide:
  • della pertinenza e completezza del programma di sicurezza; nonché
  • dell'attuazione del programma di sicurezza senza carenze.

La convalida ai fini della sicurezza aerea UE è una procedura standardizzata, documentata, imparziale e obbiettiva, intesa ad acquisire e valutare informazioni al fine di determinare il livello di conformità di un soggetto sottoposto a convalida ai requisiti del Regolamento (CE) n. 300/2008 e dei suoi atti di esecuzione.
ENAC, nel Programma Nazionale per la Sicurezza dell’Aviazione Civile, ha stabilito che le convalide del programma di sicurezza e della sua attuazione devono essere effettuate da un validatore della sicurezza aerea UE, o un soggetto che agisca per conto del vettore aereo in autoproduzione o del fornitore regolamentato, nominato e formato a tale scopo soggetto designante nominato e formato a tale scopo secondo la Cat. A12 o A12bis del Manuale ENAC di formazione per la security.
Le convalide devono essere registrate e, se non altrimenti specificato nella presente normativa, devono essere effettuate prima della designazione e successivamente ripetute ogni due anni.
La convalida dell'attuazione del programma di sicurezza che conferma l'assenza di carenze è costituita da:

  1. una visita in loco al sito del fornitore effettuata ogni due anni; oppure
  2. controlli regolari al ricevimento delle forniture consegnate dal fornitore conosciuto, iniziando dopo la designazione, fra i quali:
    • una verifica relativa all'adeguata formazione della persona che consegna le forniture per conto del fornitore conosciuto; nonché
    • una verifica della messa in sicurezza in modo appropriato delle forniture; nonché
    • uno screening delle forniture con le stesse modalità adottate per le forniture provenienti da un fornitore sconosciuto.

Tali controlli devono essere effettuati senza preavviso e aver luogo almeno una volta ogni tre mesi o sul 20 % delle consegne effettuate dal fornitore conosciuto al soggetto designante.
L'opzione b) può essere applicata solo se l'autorità competente ha stabilito nel suo programma nazionale di sicurezza dell'aviazione civile che la convalida deve essere effettuata da una persona che agisce per conto del soggetto designante.
Le modalità applicate e le procedure da seguire durante e dopo la designazione sono stabilite nel programma di sicurezza del Gestore Aeroportuale.

 


 

SERVIZI DI CONSULENZA

SERVIZI DI CONSULENZA ANTE-VALIDAZIONE

Title Bottom Decoration

 

I consigli di consulenza ante-validazione possono contribuire a facilitare il processo di convalida, evitando che alcuni dei requisiti della legislazione Europea e Nazionale non siano soddisfatti.

Gli esperti di Sarto Training & Consulting possono effettuare una valutazione preliminare del programma di sicurezza e degli altri manuali e procedure aziendali, per verificare se siano necessarie modifiche prima della visita in loco.

Al fine di garantire l'indipendenza del processo di validazione, questi servizi di consulenza non saranno svolti dallo stesso Validatore che effettuerà la validazione, ma da un altro consulente qualificato.